Ridere è una cosa seria

di Ugo Perugini   (da Capoverso)

 

Andrew Tarvin fa l’ingegnere. Ma da tempo si occupa di umorismo nell’ambito del lavoro. Perché è convinto che lavorare in un clima disteso e disponibile al sorriso possa contribuire a rendere il lavoro che ognuno deve svolgere più produttivo ed efficiente.

E non è un’affermazione campata in aria. Ha le prove di quel che sostiene, supportate da numerosi esperimenti e casi concreti. Tarvin ha sintetizzato i vantaggi di questa nuova filosofia del lavoro in alcuni passaggi.

Vediamone alcuni che riguardano la comunicazione e i rapporti umani.

Comunicazione

1. Con un po’ di humour la gente ti ascolta con maggiore attenzione. “Se sai usare l’umorismo quando ti rivolgi agli altri, loro saranno più curiosi di ascoltare quello che dici”.

 

2. L’umorismo aumenta il ricordo e la memoria a lungo termine. “Quando svolgi un’attività didattica (o anche solo se vuoi che chi ascolta non dimentichi facilmente quello che dici) presentare i contenuti con un taglio umoristico facilita l’apprendimento da parte degli studenti e la loro capacità di memorizzazione.”

3. L’umorismo aiuta la persuasione. “Quando devi convincere qualcuno che ha un’idea diversa dalla tua, aiutarti con l’umorismo (non sarcasmo, per carità!) può essere utile a far accettare quello che dici, limitando e disinnescando eventuali reazioni negative e contrarie dell’interlocutore.”

4. L’umorismo facilita l’apprendimento. “Usando l’umorismo come strumento didattico si riduce notevolmente la tensione in aula, si crea un’atmosfera positiva e favorevole alla comprensione.”

5. L’umorismo è la marcia in più per un oratore. “L’uso equilibrato di una battuta o di un calembour, al momento giusto, arricchisce il suo intervento e predispone positivamente l’uditorio”.

Rapporti umani

6. L’umorismo contiene sempre un pizzico di follia che facilita il contatto con gli altri. “Far scaturire una bella risata o stimolare un “UAO” di piacevole stupore è la risposta più spontanea e coinvolgente da parte di chi ci ascolta e crea un contatto favorevole che possiamo sfruttare nel modo più positivo.”

7. La risata abbatte le barriere di classe e di censo. “E’ importante condividere un sorriso perché si riducono le distanze sociali tra management e dipendenti”.

8. L’umorismo allenta i conflitti. “E’ stato più volte provato che una bella risata è in grado di annullare le distanze tra le persone e facilitare il dialogo, rappresentando spesso uno strumento strategico indispensabile in una corretta attività di mediazione”.

9. L’umorismo favorisce la fiducia tra le persone. “Attraverso l’umorismo le persone possono migliorare la coesione nell’ambito della squadra nella quale lavorano, ridurre i conflitti e aumentare la fiducia reciproca.”

10. Ridere insieme migliora anche il lavoro che dobbiamo svolgere. “Quando si condivide una risata con qualcuno – varie ricerche scientifiche lo hanno provato – si attua anche una condivisione dal punto di vista ormonale e neuronale con gli interlocutori ed entrano in funzione i neuroni-specchio che moltiplicano il nostro benessere generale, personale e sociale.”

Che aspettate a farvi una bella risata? 




Share on Myspace

© 2012  Dm&C Magazine - Il sito di riferimento di chi si occupa di marketing e comunicazione   | Edizioni Cleis - Via Spallanzani, 10 - 20129 MILANO - direttore responsabile: Ugo Canonici | P.IVA 10517210158 - IntranetPrivacy policy - Informativa sui cookies