Più vicini ai cani

di Giulia Gandolfi

 

A scuola per imparare a costruire un rapporto sereno e responsabile con il proprio amico a quattro zampe.

E’ questo il desiderio del 55% degli italiani che hanno partecipato alla Petizione “Mettiamoci La Zampa”, lanciata nel mese di ottobre 2016 da PURINA - azienda di riferimento del settore Petcare in Italia - per sostenere una società più vicina agli animali da compagnia.

Tra le tre cause proposte dalla petizione (promuovere la presenza degli animali da compagnia sul posto di lavoro, l’educazione dei bambini al rapporto con i pet e la diffusione di luoghi pubblici pet-friendly) quella con maggiori consensi è stata l’attenzione alle nuove generazioni, perché crescano conoscendo i valori e il rispetto verso gli animali da compagnia.

Il 48% delle preferenze espresse per la causa “A scuola con i pet” proviene dalle regioni del Nord, il 27% dal Centro e il 25% dal Sud e dalle Isole.

Leggi tutto: Più vicini ai cani

Sette milioni di cani

di Martina Balconi

 

Quanti sono realmente i pet (gli animali da compagnia) in Italia? È la domanda che si pone Assalco (Associazione Nazionale tra le Imprese per l'Alimentazione e la Cura degli Animali da Compagnia) dopo la pubblicazione del Rapporto Italia 2017 di Eurispes.

Il mercato degli alimenti per cane e per gatto non rileva diminuzioni né sul numero di famiglie acquirenti, né sulla spesa media, evidenziando discrepanze rispetto ai dati Eurispes, che negli ultimi anni hanno registrato dati incongruenti per la presenza degli animali da compagnia in Italia.

Il settore, invece, registra dati positivi, con un tasso di crescita annuo composto pari al 3,1% nel periodo 2012 – 2015 in Italia. Nel 2015, il solo mercato del pet food ha registrato un giro d’affari di 1.914 milioni di euro (+4,1% rispetto all’anno precedente), con 551.200 tonnellate di prodotti commercializzati.

Le attese per il giro d’affari 2016 sono positive. I dati di mercato saranno diffusi in occasione della pubblicazione del Rapporto Assalco-Zoomark, che verrà presentato durante la fiera Zoomark International 2017, a Bologna dall’11 al 14 maggio.

Leggi tutto: Sette milioni di cani

Un amico non si abbandona

di L.d.C.

 

La collaborazione tra LNDC e"Alimenta l’amore" dà vita a una emozionante campagna anti-abbandono con la partecipazione di tanti artisti del mondo dello spettacolo e della Scuola del Fumetto di Milano.

Gli alunni hanno partecipato a un contest finalizzato ad attirare l'attenzione su questo triste fenomeno, purtroppo ancora molto presente nel nostro paese. Tre tra le tavole più interessanti rappresenteranno la campagna istituzionale anti-abbandono 2016 di Lega Nazionale per la Difesa del Cane.

"Alimenta l'amore" è una campagna promossa da Coop Lombardia in collaborazione con il Comune di Milano che consiste in una raccolta permanente di cibo per cani e gatti all'interno dei punti vendita della Città e di altri comuni della Regione.   Il cibo raccolto viene distribuito a chi ne ha bisogno attraverso le associazioni animaliste che hanno aderito all'iniziativa. In un anno sono stati distribuiti oltre 160.000 pasti. 

All’interno di questa campagna vi sono anche una serie di progetti finalizzati a promuovere una corretta relazione uomo-animale.

Tra gli ultimi, la mostra di grande successo “Human Dog” a firma della fotografa-giornalista Silvia Amodio, realizzata in collaborazione con LNDC e Radio Bau & Co (Radio Monte Carlo, Radio 105, Virgin Radio).  Ospitata dal castello Sforzesco (cortile della Rocchetta), la mostra, che racconta la relazione tra cani e famiglie, ha accolto anche l'esposizione delle tavole realizzate dagli allievi della Scuola del Fumetto di Milano.

Leggi tutto: Un amico non si abbandona

Lavorare col cane vicino

di Giulia Gandolfi

 

In occasione della Giornata mondiale dei cani in ufficio, PURINA ha lanciato una sfida per incoraggiare l’apertura ai pet sul posto di lavoro: stabilire il Guinness dei record relativo al maggior numero di cani in ufficio, coinvolgendo tutte le sedi nel mondo in oltre 50 Paesi

Oltre 281 cani al fianco dei loro proprietari durante un’”ordinaria” giornata lavorativa. Questo è il record che PURINA ha stabilito nella sede americana nel 2015, e che intende battere quest’anno attraverso il coinvolgimento di tutte le sedi nel mondo in occasione del “Take your dog to work day” la giornata mondiale per promuovere la presenza dei pet in ufficio.

Questi infatti, come dimostrato dai recenti studi delle Università della Virginia, di Miami e di Mississippi, sono in grado di migliorare benessere, soddisfazione professionale, produttività, oltre che diminuire le assenze per malattia.

Consapevole dei benefici che ogni individuo può trarre dal rapporto con il proprio pet, PURINA è pioniera nella definizione di policy aziendali codificate, capaci di valorizzare la relazione fra persone e pet anche sul posto di lavoro.

Leggi tutto: Lavorare col cane vicino

Condannato il killer di un cane

di L.D.C.

Crudeltà, futili motivi e premeditazione: queste le accuse nei confronti del responsabile della morte di un dolce e amatissimo cane. 

Poco meno di un anno fa avevamo raccontato la storia di Snoopy, un dolcissimo meticcio di circa 7 anni ucciso con un colpo di carabina mentre si trovava sul balcone di casa durante una breve assenza – meno di mezz’ora – dei suoi familiari. Le indagini dei Carabinieri portarono nel giro di pochi giorni all’individuazione del responsabile e alla sua confessione.

Questo drammatico episodio suscitò molto scalpore a Livorno, dove è successo il fatto, e circa 400 persone parteciparono al corteo per chiedere giustizia per questo tenero cagnolone e per tutte le altre vittime innocenti come lui della malvagità umana.

Da allora, la Lega Nazionale del Cane (LNDC) ha continuato a seguire l’evoluzione della vicenda ed è rimasta vicino alla famiglia di Snoopy che ha sofferto e soffre ancora per la sua perdita.

Finalmente, nei giorni scorsi, è arrivata una confortante notizia: l’autore di questo crudele e insensato gesto è stato rinviato a giudizio ai sensi degli articoli 81 e 544-bis del Codice Penale “perché, sparando con una carabina […] uccideva per crudeltà e comunque senza necessità, in esecuzione di un medesimo disegno criminoso, un piccione e un cane”.

Leggi tutto: Condannato il killer di un cane

Un "pet" per stare meglio

di Alice Quitadamo

 

Quando gli animali da compagnia e le persone stanno insieme la vita si arricchisce. Questo è il credo di PURINA  che lancia la campagna “We Are Better with Pets “ per promuovere il prezioso contributo e il ruolo che gli animali da compagnia hanno nella nostra società.

Le evidenze scientifiche rivelano da tempo i numerosi benefici positivi che i pet apportano alla nostra salute e benessere, dalla riduzione di stress e solitudine, al miglioramento della fiducia in se stessi e delle condizioni di salute mentale. Purtroppo però non sempre viene colta l’opportunità di godere di questo impatto positivo all’interno della società.

Per questo PURINA ha scelto di sostenere la promozione e valorizzazione del prezioso contributo degli animali da compagnia attraverso questa iniziativa, che vede come volto noto e ambasciatrice in Italia Filippa Lagerback, indiscussa amante della natura e degli animali, proprietaria da poco più di un anno di Whisky, un Cocker Spaniel.

Fino al 31 luglio 2016 tutti gli amanti degli animali potranno unirsi al movimento attraverso il sito www.purina.it: basterà condividere il proprio piccolo impegno per rendere il mondo un posto più pet-friendly, pubblicarlo sui propri social network con l’hashtag #WeAreBetterWithPets e invitare i propri amici a fare lo stesso.

Ogni impegno personale – come portare al parco il cane di un amico fuori città o mettere a disposizione una ciotola d’acqua fuori dal proprio bar – contribuirà a riempire le ciotole dei numerosi rifugi di ENPA, Ente Nazionale Protezione Animali. L’obiettivo è raggiungere tutti insieme 100.000 ciotole. 

Leggi tutto: Un "pet" per stare meglio

Basta avvelenare gli animali !

di L.C.

 

Il fenomeno degli avvelenamenti di animali non accenna a diminuire e l’unica norma al riguardo, l’Ordinanza del 10 febbraio 2012, non è stata prorogata dal Ministero della Salute, lasciando un pericoloso vuoto legislativo. LNDC chiede che il Ministero si attivi urgentemente per tutelare animali, cittadini e ambiente.

Nel nostro paese gli avvelenamenti di animali sono purtroppo all’ordine del giorno. Le vittime non sono soltanto cani e gatti ma anche gli animali selvatici. Di recente, a Bologna nel parco di Corticella, qualcuno se l’è presa perfino con gli innocui cigni neri che vivono nel laghetto, somministrando loro un diserbante.

L’avvelenamento di animali, in Italia, è regolamentato da un’Ordinanza del Ministero della Salute - «Norme sul divieto di utilizzo e di detenzione di esche o di bocconi avvelenati» - emessa per la prima volta nel 2009, in seguito modificata e da allora prorogata di anno in anno.

Leggi tutto: Basta avvelenare gli animali !

Un cane risolve

di L.C.

 

Chi ha un cane sa quanto può essere affettuoso e intelligente e quanto riesca a ingegnarsi per trovare una soluzione quando si trova davanti a un problema. In questo caso, un cucciolo di sei mesi è riuscito a chiamare i soccorsi per aiutare il suo papà a quattro zampe in difficoltà, che poi è stato salvato dai volontari e dalle Guardie Zoofile di Pavia.

Ancora una volta abbiamo testimonianza dell’intelligenza e dell’empatia dei cani, che, senza ombra di dubbio, provano sentimenti complessi ed emozioni profonde, più di quanto a volte si creda.

La storia di Rocco ci arriva dai Volontari e dalle Guardie Zoofile Volontarie della Lega Nazionale per la Difesa del Cane, sezione di Pavia. A loro era pervenuta la segnalazione di un cane che abbaiava insistentemente in mezzo a una distesa di rovi, vicino all’argine del Ticino.

Arrivati sul posto tempestivamente, hanno visto un cucciolo che cercava di richiamare l’attenzione. Si sono quindi inoltrati nei rovi e hanno raggiunto il cagnetto che si è adoperato in tutti i modi per indirizzarli verso un punto nascosto.

Lì si trovava un altro cane, imprigionato per la coda in una trappola di filo spinato, ormai sfinito dai tentativi di liberarsi, dal dolore della ferita e dalle ore passate in quella condizione. Con una tenaglia il povero animale è stato liberato. Soltanto allora il cucciolo “sentinella” si è calmato ed è salito vivacemente in macchina con il compagno recuperato nel salvataggio.

Leggi tutto: Un cane risolve

Cane, amico mio

di L.C.

 

San Valentino è, fin dal medioevo, un giorno consacrato all’amore e all’affetto in tutte le sue declinazioni. E quanti tipi di amore sono profondi, disinteressati e senza né ombre né riserve come quello che provano i cani per i loro compagni umani?

Per questo, proprio nella giornata degli innamorati, Mondadori lancia “So che ci sarai sempre - Lettere d’amore ai cani della nostra vita”. Il libro, coinvolgente e allo stesso tempo commovente, è firmato da Giorgio Panariello - eclettico artista ma anche uomo dal grande cuore - e da quelli che Giorgio stesso definisce “friends”.

“Friends” perché, come lui, anche gli altri autori dei racconti nutrono sentimenti intensi nei confronti di questo essere unico e speciale: il cane. E soltanto chi lo ha conosciuto può descrivere l'amore senza confini che ci regala ogni giorno.

Leggi tutto: Cane, amico mio

Un insegnamento sbagliato

di L.C.

 

Da qualche giorno è diventata virale sui social network la foto pubblicata dalla mamma di un bambino di seconda elementare. La foto in questione mostra quello che, nella mente della maestra, doveva essere un semplice esercizio di ortografia ma in realtà è molto di più: si vede una vignetta che raffigura un bambino armato di bastone e un cane dolorante, seguita da didascalia che recita “Pierino percuote il cane con il bastone”. 

La prima cosa che viene in mente, guardando l'immagine, è la cosiddetta “buona scuola” tanto acclamata  dai nostri governanti e viene da chiedersi se sia poi così buona davvero.

Per insegnare ai bambini la corretta grafia di “percuotere” si potevano usare tanti altri esempi; per dirne uno, si poteva usare un tamburo e la frase “Pierino percuote li tamburo”, del resto si chiamano percussioni. E invece no, si è scelto di usare un cane, imprimendo nella mente dei bambini un’immagine non solamente diseducativa e pericolosa per i cani ma anche per i bimbi stessi perché non tutti i quattro zampe accettano le bastonate come sembra fare il povero animale preso di mira da Pierino nella vignetta.

Leggi tutto: Un insegnamento sbagliato




© 2012  Dm&C Magazine - Il sito di riferimento di chi si occupa di marketing e comunicazione   | Edizioni Cleis - Via Spallanzani, 10 - 20129 MILANO - direttore responsabile: Ugo Canonici | P.IVA 10517210158 - IntranetPrivacy policy - Informativa sui cookies